Di origini etrusco-romane, le prime notizie storiche sulla città risalgono al Medioevo. Magione, posto su un’altura della sponda orientale del lago Trasimeno, viene citato dalle cronache nel 1075 con il nome di Pian di Carpine, una pianura che si estendeva e si estende tuttora davanti alla collina dove sorge la cittadina.

Essendo all’incrocio delle strade tra Perugia, Chiusi e il Lago Trasimeno, era un passaggio obbligato per tutti i pellegrini provenienti o diretti a Roma. Per assistere questi pellegrini, i Cavalieri dell’Ordine Ospitaliero di San Giovanni da Gerusalemme fondarono uno ospizio chiamato “La Magione di Pian del Carpine”. [/blockquote]

Dalla Casa Ospitale dei Cavalieri, il nome si estese a tutto l’abitato che lo circondava, dando vita all’odierna Magione. Verso la fine del 1300, i Cavalieri di Malta trasformarono l’ospizio in castello per motivi di sicurezza, dentro il quale, nel 1502, fu ordita la congiura contro Cesare Borgia, figlio naturale di Papa Alessandro VI. Il complotto fu scoperto e Cesare Borgia si vendicò facendo strangolare i congiurati.

L’edificio più rappresentativo della città è il Castello dei Cavalieri di Malta, dove si coniugano architettura, arte e storia, uno dei più belli dell’Umbria, caratterizzato da una pianta quadrata con torrioni circolari e un cortile interno sul quale per tre lati si affacciano logge sovrapposte in tre ordini. La struttura attuale è frutto di un ampliamento del castello preesistente che incorporò anche un’antica abbazia benedettina del XII secolo, che si suppone fosse stata sede dell’ordine dei Templari.

Da vedere anche la Chiesa di San Giovanni Battista con una maestosa facciata decorata secondo lo stile barocco e arricchita dal ciclo di affreschi di Gerardo Dottori; la chiesa della Madonna delle Grazie (1209), che conserva la “Vergine in Trono col Bambino”, dipinto attribuito ad Andrea Di Giovanni da Orvieto; la Torre dei Lambardi, realizzata tra il XII e XIII secolo dai Cavalieri Gerosolimitani come sistema difensivo, e il Palazzo Comunale, dove si trovano affreschi di Gerardo Dottori.

Nei dintorni meritano una visita l’antico borgo medievale di Montecolognola, da dove si gode di una vista magnifica sul Trasimeno, con la Chiesa di Santa Maria Annunziata, il Castello di Agello, la Badia con la Chiesa Romanica a Sant’Arcangelo, il Museo della Pesca di San Feliciano, con una interessante retrospettiva storico antropologica del lago Trasimeno.

Di grande interesse ambientale la vicina Oasi naturalistica “La Valle”, posta all’interno del Parco Regionale del Trasimeno, che dispone di un Centro visite, un Centro di documentazione del Trasimeno con testi naturalistici e scientifici, una stazione di inanellamento degli uccelli, una Passerella in legno e degli Osservatori per praticare il birdwatching.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca